Google al lavoro – in cantiere Android M

Android Lollipop ha introdotto diverse migliorie rispetto alla sua versione precedente, basti menzionare in primis le evoluzioni grafiche (il material design con l’introduzione dello stile flat), la maggior stabilità del sistema, la correzione della chiusura improvvisa di alcune app. Inoltre sono stati risolti i i problemi con le notifiche e ci sono stati miglioramenti nella gestione della batteria. Ma Google non sa rimanere con le mani in mano, anzi, è già al lavoro per la nuova realease, Android M. Scopriamo insieme cosa cambia.

android-figure

Macadamia Nut Cookie o (Android Muffin?), sembra questo il nome interno scelto da Google per Android M  6.0 , non è detto che sia confermato e si attendono novità dall’ Google I/O. È ancora presto per fare stime circa l’uscita di Android M, nonostante ciò pensiamo che la data d’uscita si aggiri tra ottobre/novembre 2015. Una delle novità più importanti che sarà introdotta con Android M è l’unificazione delle notifiche, leggendo una notifica su uno dei tuoi dispositivi (pc, tablet, smartphone) automaticamente questa sparirà dai tuoi altri Devices, non avremmo più a che vedere con le fastidiose notifiche vecchie che disturbano l’interazione con le nuove, cosa che accade puntualmente fra tablet e smartphone. Dal punto di vista grafico, dubito che dopo il grande sforzo fatto con l’ormai vecchio aggiornamento, ci siano novità consistenti. Sono più probabili invece delle modifiche che migliorino il sistema operativo. Un’altra novità che verrà introdotta con Android M, trapelata grazie a Bloomberg, è la possibilità di accettare singolarmente (una ad una) le notifiche richieste dalle app con maggior considerazione per la privacy.

Play-Store-620x348

 

Passando ora alle indiscrezioni, c’è la possibilità di trovare in Android M il supporto nativo per le impronte digitali, funzione che sarebbe dovuta essere già presente nel Nexus 6, poi per una serie di problemi non è più stato così. Possibile inoltre l’introduzione di una nuova app, sembra si chiami Photos App, per gestire la galleria in maniera semplice ma allo stesso tempo completa, grazie ad un interfaccia che ordina le foto per data, tag ecc. Sembra che Google dopo aver sviluppato Android Auto, il servizio che da la possibilità di ascoltare musica in streaming, usare Google Maps e applicazioni all’interno della nostra auto, voglia inserirne una versione ottimizzata all’interno di Android M. Per concludere, sembra che il nuovo aggiornamento sarà disponibile solamente per i Top di gamma (Galaxy Note 5, Galaxy S7, LG G5 ed il Nexus 6). Per avere più informazioni ti invitio di nuovo a seguire il Google I/O per novità interessanti in merito.

Ti potrebbe anche interessare: Google I/O le novità più interessanti del 2014

Tags:

Related Posts

About The Author

Aggiungi Commento