To be LIVE: il primo portale di opinioni dedicato ai concerti

Il web ha da sempre avuto il grande potere di relazionare le opinioni delle persone con argomenti, prodotti e servizi. I primi, e ancora attuali, strumenti di cui ci avvaliamo sono le community ed i forum. Gli appassionati di un tema si radunano in uno spazio virtuale, ne parlano, scrivono recensioni e dispensano consigli al resto del popolo virtuale. La rivoluzione, però, è stata effettuata da chi è riuscito a contestualizzare questo potere in un settore specifico e rendere il tutto “di massa”.

Ideato da Jeff Bezos nel 1994, a Washington, Amazon fu il primo sito internet a mettere in relazione le opinioni dei lettori direttamente con i prodotti offerti. Mai idea fu più d’avanguardia. Infatti, dopo i primi anni di saldi economici passivi, la “macchina Amazon” si apprestava a percorrere la strada del mercato della globalizzazione con una velocità dirompente. Oggi è una delle società quotate in borsa con il capitale sociale più alto, con oltre 80.000 dipendenti e milioni di accessi quotidiani. Sulla stessa scia, ma in un settore totalmente diverso, nel 2000, a Boston prese vita TripAdvisor.  Lo scopo del nuovo portale era quello di mettere a fattor comune le opinioni dei viaggiatori, condividendo scelte, gusti e gradimenti. Oggi, con più di 35 milioni di recensioni e 29 milioni di visitatori al sito ogni mese, TripAdvisor è “il più grande sito del mondo di viaggi sul web”.

Il 13 Ottobre 2014, a Roma, nasce To be LIVE. La prima piattaforma digitale studiata appositamente per gli eventi “live”. Rispetto al passato l’obiettivo non cambia: la condivisione a favore della qualità. L’innovazione riguarda il contesto: il mondo della musica dal vivo. E’ risaputo infatti che il mondo artistico è da sempre un territorio difficile sia per chi lo vive sia per chi partecipa come pubblico. To be LIVE si pone come un “regolatore” del merito e della professionalità. Il proposito del nuovo portale è quello di far pronunciare direttamente le band musicali ed i gestori dei locali che, a margine di ogni performance, possono esprimere una valutazione reciproca. Questo permette di far riconoscere la qualità di entrambi le parti e creare così uno strumento che possa aiutare alla creazione di eventi di alto livello. Ovviamente anche il pubblico è chiamato a manifestare il proprio gradimento, sotto forma di stelline, per completare così il cerchio degli “attori coinvolti”: locali, artisti, pubblico. Tutto parte dalla creazione dell’evento, che avviene quando sia il locale ospitante che l’artista ospitato sono iscritti al sito e lo segnalano. Le sessioni di votazioni generano delle TopTen (una dei Locali ed una degli Artisti) che restano sempre in mostra nella Homepage del sito. Questo aiuterà il pubblico a trovare facilmente eventi di loro gradimento.

Queste le parole dell’ideatore di To be LIVE:

“Credo fortemente nella condivisione e nella comunicazione, in ogni caso o contesto. Chiunque si espone ad un confronto, è sempre tenuto a dire ed ad ascoltare e, per farlo, a volte manca il coraggio, altre volte il mezzo. To be LIVE è proprio questo: lo strumento per comunicare il nostro punto di vista, la nostra percezione; è il “contenitore” delle nostre sensazioni, positive o negative che siano. Ritengo assolutamente importante che un artista sia trattato con dignità e rispetto dal gestore di un locale, e che, viceversa, ci sia sempre un approccio serio e professionale. Allo stesso modo, è opportuno che il pubblico riceva sempre il massimo, sia artisticamente che come servizio o accoglienza. Non è detto che certe “cattive abitudini” non possano essere cambiate e che, attraverso la comunicazione, non si possa raggiungere un nuovo equilibrio nel contesto “live” artistico e culturale” M.B.

Ci piace definire To be LIVE come il primo “event network” italiano. Il portale ha grandi potenzialità, ora tocca a voi partecipare! Per questo vi Invitiamo a visitare e condividere il sito con tutti gli appassionati di musica. Fateci sapere le vostre opinioni commentando l’articolo.

Related Posts

About The Author

Aggiungi Commento